Due chiacchiere con Andrea di Surfing Sports

Come nasce Surfing Sports?
Provengo dal mondo della pallanuoto, ma sono sempre stato un grande appassionato di windsurf, sport che pratico da quando avevo 13 anni. Inizialmente era solo un hobby estivo. Poi ho deciso di trasformarlo in un vero lavoro e così nel 1997 ho creato “La Compagnia della vela”. Per molti anni il windsurf era visto come sport estremo ed io ho cercato di renderlo alla portata di tutti, inserendo via via attrezzature moderne ed adatte alle età più varie e diversificando l’offerta degli sport. Nel 2009 ho creato Surfing Sports, presso lo stabilimento balneare Le Hawaii, un luogo dove praticare il surf in tutte le sue declinazioni.

Qual è la vostra filosofia?
Sono fortemente appassionato di queste discipline e questo mi consente di cercare continuamente le novità che dall’America o dall’Australia, dove questi sport sono maggiormente diffusi, porto direttamente a Pescara. Sono convinto che chiunque, dai 4 anni in su, può surfare. L’importante è avere le attrezzature più giuste e il supporto di professionisti altamente qualificati. Tutti i corsi proposti qui sono riconosciuti dalle Federazioni.

Cosa lo rende speciale?
La nostra è un’offerta multilaterale. Questo significa che i corsisti che si rivolgono a noi, soprattutto i bambini, hanno la possibilità di sperimentare più discipline sportive. Il windsurf si affianca al Paddlesurf, un tipo di surf con il remo. I più piccoli riescono a praticare anche il vero surf da onda. A supporto di quest’attività ho creato il primo parco woodwave. Si tratta della riproduzione di una vera onda fatta in legno, da surfare con un particolare tipo di skateboard che consente di riprodurre i movimenti da surf anche sull’asciutto.