Due chiacchiere con Cecilia de I Giardini del The

Come nascono I Giardini del The?
Provengo dal mondo del turismo. Mi sono diplomata come operatore turistico, sono stata guida, ho lavorato in alberghi. Tutti lavori dove il contatto con la gente era un ingrediente principale. Ero attirata dal mondo del cioccolato, così ho seguito un corso sul cioccolato e sul the a Roma. Ho iniziato a frequentare una sala da the della capitale, innamorandomi, con vere e proprie degustazioni, dell’universo del the. Circa sei mesi fa ho deciso di aprire una sala da the nella mia città, a Pescara.

Qual è la vostra filosofia?
L’idea base è quella di entrare nel mio locale e rilassarsi completamente. Scegliere un the, gustarlo, leggendo qualche pagina dei libri che ho messo a disposizione dei clienti. Il the è una bevanda che pochi conoscono realmente e che nasce per essere abbinata per lo più al salato. Ecco perché propongo, non solo il classico the del pomeriggio con dolcetti di accompagnamento, ma anche aperitivi, pranzi e cene vegane a base di the. Soprattutto all’ora di pranzo, realizzo piatti unici a base di verdure o frutta di stagione a km 0, utilizzando ingredienti prodotti da piccole aziende, particolari e ricercate.

Cosa lo rende speciale?
Oltre alla grande varietà di the che ho a disposizione, da quelli aromatizzati ai the puri, vendo prodotti speciali come mieli, marmellate, spezie di ogni genere e poi servizi da the, perfetti per regali inconsueti.
La mia sala da the, inoltre, è aperta a chiunque voglia raccontarsi. Ho ospitato mostre di pittura di artisti locali; in occasione della festa di San Valentino ho organizzato un’esposizione insieme ad un’agenzia fotografica che ha messo in mostra scatti di matrimoni e con un negozio pescarese di artigianato artistico. Inoltre periodicamente organizzo incontri con nutrizionisti, naturopati, corsi sul the, sulle spezie, di cucina naturale o sulla spesa consapevole. Ogni corso viene abbinato a degustazioni a tema.