Due chiacchiere con Annalisa di Faieta Fiori

Come nasce Faieta Fiori?
Negli anni ’50 mio padre da Città Sant’Angelo emigrò a Sanremo. Lì apprese l’arte di coltivare, riportando in Abruzzo tutti i suoi saperi. Iniziò la sua attività come produttore e rivenditore e negli anni ’60, insieme al fratello, aprì il primo negozio. Poi siamo subentrati noi, proseguendo con amore l’attività di famiglia. Oggi, insieme a mio fratello Stefano e mia cugina Nina siamo proprietari del negozio di via Colle di Mezzo, a Pescara Colli, e da fine maggio 2013 abbiamo aperto in centro, in via Carducci, per avere una vetrina nel cuore di Pescara. Qui è possibile acquistare oltre che piante e fiori freschi, anche composizioni o oggettistica di diverso genere.

Qual è la vostra filosofia?
Studio, un lavoro intenso e molto amore per questo mestiere sono gli elementi essenziali della nostra attività. Il nostro obiettivo è quello di propagare e diffondere l’arte floreale. Ecco perché abbiamo intenzione di avviare, nel punto vendita del centro, dei corsi aperti a tutti coloro che sono interessati. Cercheremo in ogni modo di creare interessi di varia natura inerenti al settore floreale, e lo faremo attraverso eventi di arte e cultura in genere.

Cosa lo rende speciale?
Sicuramente l’atmosfera che si respira qui dentro. E non sono solo io a dirlo. Molti miei clienti confermano che entrando in questo negozio, si riesce a cogliere un’aria di pace, un calore profondo, e una grande attenzione al particolare. In tutto quello che faccio, il mio intento è far gustare le cose belle della vita.