Il cuore della città è Piazza della Rinascita, che tutti i pescaresi conoscono come Piazza Salotto. Luogo di ritrovo per pescaresi e non, sede delle principali manifestazioni della città, Piazza Salotto ospita una scultura dedicata a un elefante, disegnata da Vicentino Michetti e Palazzo Arlecchino,  con facciate colorate a mosaico monocromatico. Negli scorsi anni ha vissuto un intenso restyling: le classiche “palmette”, vera icona della Pescara anni ’80 e ’90 hanno lasciato posto alle linee moderne dell’architetto giapponese Toyo YIo, che oltre a disegnare la piazza, aveva ideato il progetto dello Huge Wine Glasses, una fontana a forma di calice, dalla sorte sfortunata. Dopo la sua rottura, a pochi mesi dall’inaugurazione, l’opera è stata sostituita da un’aiuola.
Fulcro di caffè e boutique, Piazza Salotto è anche la congiunzione tra la specchiata stazione ferroviaria di Pescara, a cui si giunge percorrendo Corso Umberto, via per eccellenza dello shopping e la Nave di Cascella, opera scultorea dell’artista Pietro Cascella, costituita da una vasca rettangolare in marmo di Carrara, contenente una nave stilizzata che rimanda alla galea, antica imbarcazione a remi. Il richiamo è volutamente ispirato alla grande tradizione marinaresca della città. Donata dall’artista al Comune di Pescara, si decise di collocarla nel 1987 presso Largo Mediterraneo, a ridosso dell’arenile sul lungomare della città.
Tutta la zona centrale, costituita da Corso Umberto, Corso Vittorio Emanuele, via Nicola Fabrizi, via Firenze e via Cesare Battisti con le loro vie interne, costituisce un immenso centro commerciale a cielo aperto. Qui è possibile sbizzarrirsi nello shopping, con pause per degustare food e drink, grazie ai numerosi locali che caratterizzano la zona adiacente il mercato coperto di Piazza Muzii, che di recente ha vissuto un’intensa riqualificazione ispirata alla Boqueria di Barcellona.